IL DEVON REX

Il carattere del Devon Rex...

... Un affascinante burlone !

Non fidatevi troppo di questo buffo folletto: il Devon è un vero seduttore!  La prova? Prendetelo in braccio per dieci minuti e non potrete mai più farne a meno!

A questa dipendenza c'è una spiegazione: il Devon è un gatto letteralmente affascinante !

Mai un graffio, mai sbalzi d'umore, mai aggressivo. Molto legato a tutti i componenti della famiglia, è molto dolce, appiccicoso all'ennesima potenza.

Questo non gli impedisce di essere un gran curioso: vi segue immediatamente se lasciate la stanza, sale sul bordo del lavello mentre lavate l'insalata ... oppure su quello della vasca da bagno, mentre vi rilassate in una nuvola di schiuma...

Deve essere a conoscenza di tutto ciò che gli succede intorno. Ovviamente è anche un tipo molto socievole con gli estranei.

In più, questo piccolo buffone possiede un quoziente intellettuale molto sviluppato.

Appare un tipo molto determinato: quando decide di fare qualcosa, la fa sempre a qualunque costo !

In genere coabita senza problemi con tutti gli altri gatti e anche con i cani.

Quanto ai bambini il Devon e' un vero amico soprattutto se c'è da combinare qualche marachella !

In breve, la vita in sua compagnia si rivela decisamente più gradevole. Soprattutto perchè non perde pelo: la sua muta è praticamente impercettibile.

Il Devon mangia sovente, ma poco per volta. Ha gusti sorprendenti per un gatto: non esita ad assaggiare i fagiolini, le zucchine e verdura in genere.

Mangia sovente soprattutto per compensare la dispersione della temperatura corporea dovuta alla sottile pelliccia che protegge meno di un mantello normale. E' anche per questo motivo che ama addormentarsi tra le zampe dei suoi simili... anche di un cane... o nel letto del suo padrone !

Questa razza non è molto prolifica: la media è di tre piccoli per cucciolata. Alla nascita i piccoli Devon sono piuttosto piccoli, 80 grammi di media e restano delicati durante le prime settimane di vita, successivamente, però l'evoluzione è rapida.

Decisamente "attivo" esce dalla cuccia già a tre settimane e si mette a mangiucchiare piuttosto presto, rispetto ai cuccioli di altre razze e il suo Quoziente Intellettivo è già in azione !

Caratteristiche fisiche...

... un gatto davvero Unico!!

Non bisogna essere degli intenditori per convincersene : il Devon  Rex è un gatto dall'apparenza unica.

I suoi grandi occhi, il muso corto, gli zigomi alti e sporgenti, le enormi orecchie piazzate basse sulla volta cranica, gli donano un'aria da folletto.

Vista di fronte, la faccia di un Devon  deve  essere delimitata da tre archi convessi: il primo forma  le orecchie, il secondo gli zigomi e il terzo il muso.

E’ un gatto di taglia media, ricoperto da una pelliccia corta e arricciata. Questa è particolare, e soprattutto nell'età infantile può lasciare scoperte alcune zone del corpo. Tuttavia, in fase di giudizio, l'assenza di pelo in un cucciolo tipato e' "scusata": meglio un "buon tipo" che un mantello folto e un "tipo" mediocre!

Come in tutte le razze, i maschi sono nettamente più robusti delle femmine ma ambedue devono essere ben proporzionati.

Tutti i colori di mantello sono riconosciuti, comprese le tinte meno diffuse.

Sono considerati difetti una testa stretta e lunga, orecchie piccole, piazzate troppo vicine o troppo alte, un corpo troppo corto e una mancanza di tono muscolare, una coda corta e priva di pelo, una pelliccia liscia o irsuta.

Nel Devon due aspetti rivestono una particolare importanza: la testa e la pelliccia. La prima è di forma triangolare con i contorni arrotondati. Corta, piuttosto piccola, è caratterizzata da un profilo in cui spicca uno stop ben marcato. Il muso è corto, ben sviluppato con la zona delle vibrisse ben evidente.

Oltre lo stop, il cranio pare piatto, mentre il mento è forte e le guance piene.

Le orecchie sono molto grandi, larghe alla base con le estremità arrotondate, sono piazzate basse sulla volta cranica e ricoperte da una sottile peluria sul padiglione esterno. All'interno, in compenso, i peli sono quasi inesistenti ma si notano sfiziosi ciuffetti di pelo sulle punte. Le tempie sono nella maggioranza dei casi prive di pelo.

Gli occhi sono molto grandi, di forma ovale, piazzati distanti tra loro, in armonia con il colore del mantello.

Il collo è sottile e di media lunghezza.

Il corpo, anch'esso di medie proporzioni, è dotato di una solida ed elastica muscolatura, mentre di un petto largo e ben sviluppato.

Alto sulle zampe, le sue membra sono lunghe e slanciate, soprattutto quelle posteriori, mentre l'ossatura è solida, proporzionata al resto del corpo. I piedi sono piccoli e di forma ovale.

La coda lunga, sottile e affusolata, ben ricoperta dalla morbida pelliccia.

Il pelo è corto, sottile e ondulato come pure le vibrisse e le sopracciglia. Al tatto, la pelliccia deve essere molto morbida e assolutamente non secca ed irsuta.

Un pò di storia del Devon Rex...

... c'era una volta ...

Il primo Devon Rex fu scoperto in Gran Bretagna nella regione del Devonshire nel 1960. All'epoca una certa signorina Beryl Cox, che viveva nei pressi di una miniera di stagno abbandonata ebbe la buona idea di adottare una gatta tricolore, che si accoppiò con un gatto che viveva allo stato libero nella miniera di stagno. Si trattava di un gatto "bizzarro dalla pelliccia arruffata ..." si mormorava nei dintorni. Fu così che uno dei cuccioli nacque con il mantello arricciato come quello di un agnellino !

Incuriosita del fenomeno Beryl Cox decise di tenerlo e lo battezzo  Kirlee in riferimento a curly che in inglese significa riccio.

In seguito apprese del Cornish Rex anche questi con il mantello arricciato. Si mise in contatto con Brian Stirling-Weeb che allevava Cornish Rex.

Decisero di accoppiare Kirlee con diverse femmine di Cornish Rex aspettandosi di ottenere cuccioli dal mantello arricciato, ma con grande disappunto, i cuccioli nacquero tutti con la pelliccia liscia, ovvero normale.

Kirlee era geneticamente diverso dal Cornish Rex.

La razza fu riconosciuta dal Governing Council of Cat Fancy la più importante federazione felina inglese nel 1967.

Ma come ebbe origine la sua testa particolare

 e la pelliccia "fuori dal normale"?

In effetti, tutto questo è dovuto a una mutazione genetica spontanea.

Essendo il gene del Devon Rex di natura recessiva, deve essere portato da entrambi i genitori per esprimersi: oggi si pensa che la mamma di Kirlee fosse a sua volta imparentata con il gatto della miniera abbandonata.

Il musino da folletto, caratterizzato da un naso corto, servì da modello per fissare la razza che venne battezzata Devon Rex ... 

...Devon  per ricordare la sua terra d'origine, Rex per ricordare il gene Re  che arriccia il pelo.

© 2018 goblindevonrex.it